martedì 30 aprile 2013

La pace che doni al mio cuore



L'Amore sembra indifeso ma in realtà è la forza vera, libera
come la cima più alta di ogni vetta, dove il mio piccolo sguardo non arriva.

Dammi la forza di scalare!
sia la terra, aiutata dal mare;
sia il vento a favore,
ogni forza sia Tua
e mi sollevi
sempre un pò più in alto
così che il tuo sguardo
 aiuti il mio
fino a quando il Tuo sia il mio.



Stamattina ho fatto le mie letture e la personale riflessione:

"Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore".

 Oggi più che mai mi parli di gioia, mi dici che le tribolazioni non possono togliermi la pace che mi doni, perchè io ho te. Io sono tua e come tu sei unito al Padre così per opera dello Spirito Santo mi unisci a te e in questa unità tu, non mi perderai...
 Serena della forza di Dio, devo capire che nonostante il principe di questo mondo cerchi in ogni modo di strapparmi da te, tu non glielo permetterai! 
Questa è la tua pace, quella meravigliosa pace che mi doni.

Grazie SS. Trinità.

Ogni giorno la mia preghiera è anche preghiera del mondo, perchè siamo il popolo di Dio, siamo Tuoi!

 Ho letto poi, l'omelia del Santo Padre e in essa trovo il rafforzamento della mia ricerca di ascolto e rendi ancora più viva la tua parola.
Preghiamo per il Santo Padre, per tutti i Sacerdoti, preghiamo per i nostri fratelli, sempre! Dio ci ama.



Tratto dal sito di radiovaticana:

il Signore è l’Unico che può guardare in faccia il maligno e vincerlo. Viene il principe del mondo, contro di me non può nulla: se vogliamo che il principe di questo mondo non prenda la Chiesa nelle sue mani, dobbiamo affidarla all’Unico che può vincere il principe di questo mondo. Qui la domanda: noi preghiamo per la Chiesa, ma per tutta la Chiesa? Per i nostri fratelli che non conosciamo, dappertutto nel mondo? E’ la Chiesa del Signore e noi nella nostra preghiera diciamo al Signore: Signore, guarda la tua Chiesa… E’ tua. La tua Chiesa sono i nostri fratelli. Questa è una preghiera che noi dobbiamo fare dal cuore, sempre di più".


"Affidare la Chiesa al Signore è una preghiera che fa crescere la Chiesa. E’ anche un atto di fede. Noi non possiamo nulla, noi siamo poveri servitori – tutti – della Chiesa: ma è Lui che può portarla avanti e custodirla e farla crescere, farla santa, difenderla, difenderla dal principe di questo mondo e da quello che vuole che la Chiesa diventi, ovvero più e più mondana. Questo è il pericolo più grande! Quando la Chiesa diventa mondana, quando ha dentro di sé lo spirito del mondo, quando ha quella pace che non è quella del Signore – quella pace di quando Gesù dice 'Vi lascio la pace, vi do la mia pace', non come la dà il mondo – quando ha quella pace mondana, la Chiesa è una Chiesa debole, una Chiesa che sarà vinta e incapace di portare proprio il Vangelo, il messaggio della Croce, lo scandalo della Croce… Non può portarlo avanti se è mondana".


"Affidare la Chiesa al Signore, affidare gli anziani, gli ammalati, i bambini, i ragazzi… 'Custodisci Signore la tua Chiesa': è tua! Con questo atteggiamento Lui ci darà, in mezzo alle tribolazioni, quella pace che soltanto Lui può dare. Questa pace che il mondo non può dare, quella pace che non si compra, quella pace che è un vero dono della presenza di Gesù in mezzo alla sua Chiesa. Affidare la Chiesa che è in tribolazione: ci sono grandi tribolazioni, la persecuzione… ci sono. Ma ci sono anche le piccole tribolazioni: le piccole tribolazioni della malattia o dei problemi di famiglia… Affidare tutto questo al Signore: custodisci la tua Chiesa nella tribolazione, perché non perda la fede, perché non perda la speranza". 


“Che il Signore ci faccia forti per non perdere la fede, non perdere la speranza” 
ha detto il Papa, rimarcando che questa deve sempre essere la richiesta del cuore al “Signore”. “Fare questa preghiera di affidamento per la Chiesa – ha concluso  ci farà bene e farà bene alla Chiesa. Darà grande pace a noi e grande pace alla Chiesa, non ci toglierà delle tribolazioni, ma ci farà forti nelle tribolazioni”. 


Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/04/30/papa_francesco:_tutti_devono_pregare_per_la_chiesa._una_chies/it1-687618
del sito Radio Vaticana 





4 commenti:

  1. Cara Terry, ti ammiro per la tua costante spiritualità e l'impegno assiduo a professare la tua Fede.

    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tenerezza viene da Dio, grazie Gianna.

      Elimina
  2. è un bel post..complimenti.

    RispondiElimina