martedì 26 settembre 2017

Medjugorje messaggio del 25 settembre 2017

"Cari figli! 
Oggi vi invito ad essere generosi nella rinuncia, nel digiuno e nella preghiera per tutti coloro che sono nella prova, e sono vostri fratelli e sorelle.
 In modo particolare vi chiedo di pregare per i sacerdoti e tutti i consacrati affinché con più ardore amino Gesù, affinché lo Spirito Santo riempia i loro cuori con la gioia, affinché testimonino il Cielo e i misteri celesti. Molte anime sono nel peccato perché non ci sono coloro che si sacrificano e pregano per la loro conversione. Io sono con voi e prego per voi perché i vostri cuori siano riempiti di gioia. 
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

giovedì 21 settembre 2017

Lady Gaga, fibromialgia, io.

Apprendo da Aleteia che Lady Gaga soffre, soffre di fibromialgia e in qualche foto appare con la corona del rosario tra le mani.

Mi ha commosso. Perché? Eppure ritenevo questa cantante un esempio negativo per i giovani!
Ora mi commuove e la capisco. 
Questa malattia è davvero invalidante, ti cambia la vita. È un buio che puoi percorrere solo con Gesù!
Io la conosco, perché ho questa sindrome a livelli massimi ed anche la cfs.

Dio è meraviglioso trae fiori dalle rocce. 

ho letto che non riesce a far fede i suoi impegni di lavoro. Purtroppo questa malattia rende tutto difficile e guardando tra le sue mani la corona del santo rosario mi sono detta tra le lacrime: 
Cara lady, io non riesco più neanche a farlo, però... ogni mio momento è rivolto a Lui. Ogni mio desiderio.

Sono scesa dal Tabor e dal sicomoro. Sono scesa dal cielo alla terra. Dal fuoco al gelo. Dalla luce al buio. Dalla poesia al silenzio ma una cosa so ed è che sono nelle Sue mani, anche se c'è sempre un combattimento grande tra la mia immensa povertà e la Sua immensa Misericordia.


Tutto ciò mentre l'apparenza non svela la realtà. 


Auguri lady Gaga, spero tu possa sentirti sempre più nelle braccia di Cristo ed essere un esempio nuovo per chi ti segue. Un esempio di luce nonostante il buio.

lunedì 4 settembre 2017

Medjugorje, messaggio del 2 settembre 2017

Cari figli,


chi potrebbe parlarvi meglio di me dell’amore e del dolore di mio Figlio? Ho vissuto con lui, ho patito con lui. Vivendo la vita terrena, ho provato il dolore, perché ero una madre. Mio Figlio amava i progetti e le opere del Padre Celeste, il vero Dio; e, come mi diceva, era venuto per redimervi. Io nascondevo il mio dolore per mezzo dell’amore. Invece voi, figli miei, voi avete diverse domande: non comprendete il dolore, non comprendete che, per mezzo dell’amore di Dio, dovete accettare il dolore e sopportarlo. Ogni essere umano, in maggior o minor misura, ne farà esperienza. Ma, con la pace nell’anima e in stato di grazia, una speranza esiste: è mio Figlio, Dio generato da Dio. Le sue parole sono il seme della vita eterna: seminate nelle anime buone, esse portano diversi frutti. Mio Figlio ha portato il dolore perché ha preso su di sé i vostri peccati. Perciò voi, figli miei, apostoli del mio amore, voi che soffrite: sappiate che i vostri dolori diverranno luce e gloria. Figli miei, mentre patite un dolore, mentre soffrite, il Cielo entra in voi, e voi date a tutti attorno a voi un po’ di Cielo e molta speranza. Vi ringrazio.